Il ruolo dell’Arabia Saudita nell’11 settembre

Il ruolo dell’Arabia Saudita nell’11 settembre

di Simon Henderson – Foreign Policy
(traduzione di Romana Rubeo)
A volte, la realtà è così paradossale da superare ogni possibile teoria del complotto. Oltre 13 anni dopo la pubblicazione dell’indagine del Congresso sugli eventi legati ai fatti dell’11 settembre, vengono rese note le famigerate “28 pagine” che riguardano il coinvolgimento saudita negli attacchi terroristici, finora secretate perché ritenute troppo delicate. Risulta che nella relazione della commissione sui fatti dell’11 settembre, esistono 29, e non 28 pagine, che vanno precisamente dalla numero 415 alla numero 443, che vertono su questo. Molte parti sono state cancellate, alcune parole, talvolta intere righe, per un totale di circa tre cartelle. Ciò significa che non sappiamo ancora tutta la verità.
Appare evidente che la sensazione per cui le pagine non furono subito rese note al pubblico per non creare imbarazzi nella famiglia reale saudita fosse fondata.

Quanto si legge è devastante:
Pagina 415: “Alcuni degli attentatori dell’11 settembre erano in contatto con individui forse legati al Governo Saudita, da cui hanno ricevuto sostegno e assistenza…. Almeno due di loro erano sospettati di far parte dei servizi segreti sauditi.”
Pagina 417: Uno dei soggetti che la commissione ha identificato come finanziatore di due degli attentatori, Osama Bassnan, ha in seguito ricevuto una “significativa somma di denaro” da “un membro della famiglia reale Saudita”.
Pagina 418: “Un altro cittadino saudita con forti legami con la Famiglia Reale [cancellato] è oggetto di indagini di controterrorismo da parte dell’FBI”
Pagine 418 e 419: Abu Zubaida, leader di al Qaeda ora detenuto, aveva nella rubrica del telefono il numero privato della società di sicurezza che lavorava presso la residenza in Colorado dell’allora Ambasciatore Saudita negli Stati uniti, il Principe Bandar bin Sultan.
Pagina 421: “un [cancellato], con data 2 luglio 2002, [contiene] ‘prove incontrovertibili’ circa il sostegno che questi terroristi hanno ricevuto da membri del Governo Saudita”
Pagina 426: la moglie di Bassnan ha ricevuto denaro “dalla Principessa Haifa Bint Sultan,” moglie dell’ambasciatore Saudita (In realtà, il nome corretto è Principessa Haifa bint Faisal.)
Pagina 436: David Aufhauser, General Counsel del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti d’America, ha dichiarato che “la fondazione Saudita al-Haramain aveva stretti contatti con gli estremisti islamici.” Anche alcuni agenti della CIA hanno dichiarato “le indagini condotte su al-Haramain stavano dando i loro frutti….. Il dirigente della sede centrale era risultato complice di sostegno ad attività terroristiche e c’erano sospetti anche sul Principe Nayef [l’allora Ministro degli Interni Saudita]”
Quando l’ho letto, ho gridato: “Sì!”
Nel gennaio del 2002, il U.S. News & World Report citò due anonimi funzionari dell’amministrazione Clinton, secondo cui i due principi sauditi avrebbero finanziato Osama Bin Laden, dopo che un’autobomba esplosa a Riyadh nel 1995 aveva ucciso cinque consulenti militari americani. Avevo approfondito la questione su un editoriale per il Wall Street Journal dell’agosto 2002: funzionari statunitensi e britannici mi avevano indicato i nomi dei due principi che usavano denaro proveniente dalle casse Saudite (e non dai loro fondi personali) per finanziare Bin Laden, in cambio di una promessa: gli attentati sarebbero stati organizzati altrove e non nei confini del Regno. Li ho in seguito citati in un altro editoriale per il Wall Street Journal: erano il Principe Nayef, padre dell’attuale principe ereditario, Muhammad bin Nayef, e suo fratello, il Principe Sultan, allora ministro della Difesa e padre del Principe Bandar. Entrambi sono deceduti.
L’articolo del U.S. News & World Report riportava il virgolettato di un funzionario saudita: “Dove sono le prove? Non esistono.” Quel funzionario adesso è il Ministro degli Esteri Adel al-Jubeir, che senza dubbio ha fatto di recente pressione sui membri del Congresso, probabilmente con le stesse argomentazioni.
Tuttavia, dopo la pubblicazione delle 29 pagine e la descrizione dettagliata dello scambio di denaro avvenuto tra gli attentatori dell’11 settembre e i funzionari Sauditi, è sempre più difficile sostenere questa tesi. L’inchiesta cita una fonte che suppone l’esistenza di “prove incontrovertibili circa il sostegno fornito ai terroristi da membri del Governo Saudita.”
Dopo la pubblicazione di queste pagine, la società di pubbliche relazioni Qorvis, con sede a Washington, che ha siglato un contratto molto vantaggioso con il Regno Saudita, ha diffuso una sua analisi, che inizia con una citazione tratta da un’intervista rilasciata dal Direttore della CIA John Brennan a Al Arabiya l’11 giugno. Dice tra l’altro: “Non c’erano prove del fatto che il Governo Saudita come istituzione, o che singoli funzionari Sauditi avessero finanziato gli attacchi dell’11 settembre.”
Potrebbe essere vero; ma non esclude la possibilità, la probabilità che le azioni degli alti funzionari sauditi abbiano avuto delle conseguenze sul terribile atto terroristico. Non ho mai sostenuto che il Governo Saudita o membri della famiglia reale abbiano incoraggiato o finanziato in modo diretto gli attacchi. Ma il denaro saudita è stato versato nelle casse degli attentatori, su questo non c’è dubbio. Una volta ho chiesto a un funzionario britannico: “Come possiamo averne la certezza?” Mi ha risposto che era noto da quale conto il denaro fosse uscito e in quale fosse finito.
Lo scorso venerdì, Jubeir ha tenuto una conferenza stampa presso l’Ambasciata Saudita di Washington e ha dichiarato: “La questione non finisce qui.” Quando gli hanno chiesto se, a suo avviso, il rapporto scagionasse il Regno, ha risposto convintamente: “Certo che sì.” Io la penso diversamente.

Articoli Correlati:



Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

ads

Log In

Ultime notizie

Video correlati

ads

error: Content is protected !!