Australia. Abbandono di rifugiati all’Isola di Nauru

Australia. Abbandono di rifugiati all’Isola di Nauru

Circa 1.200 uomini, donne e bambini che hanno cercato rifugio in Australia e sono stati forzatamente trasferiti nella sperduta isola nazione di Nauru nel Pacifico subiscono gravi abusi, trattamenti inumani e di abbandono, hanno dichiarato oggi Human Rights Watch e Amnesty International. Il fallimento del governo australiano nell’affrontare gravi abusi sembra essere una politica deliberata per scoraggiare l’arrivo di ulteriori richiedenti asilo via mare.
Rifugiati e richiedenti asilo a Nauru, la maggior parte dei quali detenuti per tre anni, vengono abitualmente trascurati da operatori sanitari e altri fornitori di servizi assunti dal governo australiano, subendo anche frequenti attacchi impuniti da parte degli isolani.
Subiscono ritardi inutili e talvolta diniego di cure mediche, anche in condizioni di pericolo di vita. Molti hanno terribili problemi di salute mentale, soffrono schiacciante disperazione-autolesionismo e i tentativi di suicidio sono frequenti. Tutti subiscono prolungata incertezza sul loro futuro.
“La politica dell’Australia di esiliare i richiedenti asilo che arrivano via mare è crudele fino all’eccesso” ha dichiarato Anna Neistat, direttrice della Ricerca di Amnesty International, che ha condotto l’indagine sull’isola per l’organizzazione. “Pochi altri paesi fanno così tanti sforzi nell’infliggere deliberatamente sofferenza a persone in cerca di sicurezza e libertà.”
Le autorità australiane sono ben consapevoli degli abusi a Nauru. La Commissione australiana per i diritti umani (AHRC), l’Ufficio dell’Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), un comitato ristretto del Senato e un esperto indipendente nominato dal governo hanno evidenziato molte di queste pratiche e hanno invitato il governo a modificarle. La persistente incapacità del governo australiano di affrontare gli abusi commessi sotto la sua autorità a Nauru mostra che il fatto di compierli o tollerarli sia una questione di politica.
Trasferendo forzatamente rifugiati e richiedenti asilo a Nauru, detenendoli per periodi prolungati in condizioni disumane, negando loro cure mediche appropriate e in altri modi strutturando le sue operazioni in modo che molti facciano l’esperienza di un grave degrado della loro salute mentale, il governo australiano ha violato il diritto di essere liberi dalla tortura e altri maltrattamenti e dalla detenzione arbitraria, così come altre protezioni fondamentali, hanno dichiarato Human Rights Watch e Amnesty International.
“Il trattamento atroce dell’Australia ai rifugiati di Nauru nel corso degli ultimi tre anni ha avuto un enorme costo sul loro benessere” ha affermato Michael Bochenek, consigliere sui diritti dell’infanzia di Human Rights Watch, che ha condotto l’indagine sull’isola per l’organizzazione. “Portare adulti e persino bambini rifugiati al punto di rottura con abusi costanti sembra essere uno degli obiettivi dell’Australia per Nauru.”
Australia e Nauru impongono una rigorosa segretezza sul trattamento dei richiedenti asilo a Nauru e rifiutano la maggior parte delle richieste di visita da parte di giornalisti o ricercatori. Tuttavia, un ricercatore di Amnesty International e uno di Human Rights Watch sono stati in grado di entrare legalmente a Nauru e di rimanervi per un totale di 12 giorni nel mese di luglio 2016. Nel completare le formalità di ingresso non è stato chiesto loro delle affiliazioni alle organizzazioni.
Hanno intervistato 84 rifugiati e richiedenti asilo da Iran, Iraq, Pakistan, Somalia, Bangladesh, Kuwait e Afghanistan, inclusi apolidi curdi che vivevano in Iran o in Iraq. Ventinove erano donne. Cinque erano ragazze e quattro erano ragazzi. I ricercatori hanno anche intervistato diversi fornitori di servizi, che hanno accettato di condividere le informazioni nonostante il rischio di subire procedimenti giudiziari per averlo fatto.
Nauru, una minuscola e povera isola di 21 chilometri quadrati, o otto miglia quadrate, è più piccola dell’aeroporto di Melbourne. La popolazione è di 10.000 persone. L’interno dell’isola, devastato da 40 anni di estrazione mineraria di fosfato, è per lo più inabitabile e incoltivabile. Le opportunità di lavoro sono scarse e i servizi di base, come la sanità e l’istruzione, sono in gran parte inadeguati.
L’Australia ha trasferito forzatamente famiglie con bambini, minori non accompagnati e singoli uomini e donne a Nauru da settembre 2012, secondo protocolli d’intesa tra i due paesi. L’Australia ha accettato di coprire tutti i costi connessi con la detenzione all’estero e il trattamento dei richiedenti asilo e rifugiati.
Il governo australiano ha speso 415 milioni di dollari australiani (US$ 314 milioni) per le sue operazioni a Nauru nel corso dell’anno fiscale terminato il 30 aprile 2015, quasi $350.000 per ogni persona tenuta sull’isola durante quel solo anno.
Coloro che sono stati trasferiti a Nauru inizialmente hanno trascorso un anno o più alloggiati in tende di vinile anguste in un centro di detenzione chiamato “Centro di trattamento regionale” (RPC), con temperature al chiuso che raggiungono regolarmente da 45 a 50 gradi centigradi (da 113 a 122 gradi Fahrenheit), piogge torrentizie e inondazioni.
Rifugiati e richiedenti asilo hanno descritto le condizioni in questi campi di detenzione come “simili al carcere”, con ispezioni regolari delle loro tende da parte delle guardie, confisca di oggetti “proibiti”, tra cui cibo e aghi da cucito, docce di due minuti e servizi igienici sporchi.
L’RPC è gestito da una società privata assunta dal governo australiano, che ha il controllo effettivo della struttura ed è responsabile di garantire la salute e il benessere dei richiedenti asilo detenuti. L’Australia condivide la responsabilità con Nauru per le violazioni dei diritti umani commesse contro i rifugiati e i richiedenti asilo.
Coloro i quali sono riconosciuti come rifugiati dai governi di Australia e Nauru sono generalmente alloggiati in campi aperti o in altre abitazioni in tutta l’isola. Alle famiglie sono generalmente assegnate unità prefabbricate o container convertiti e gli uomini soli sono collocati in stanze con spazio solo per un letto e una piccola mensola. Circa un terzo dei 1.200 rifugiati e richiedenti asilo a Nauru restano nelle tende, hanno dichiarato le persone intervistate.
Da ottobre 2015, Nauru ha permesso ai richiedenti asilo maggiore libertà di movimento in tutta l’isola, un passo ampiamente interpretato come una risposta al contenzioso in Australia che ha contestato la legittimità del trattenimento dei richiedenti asilo. Ma coloro che restano nelle tende sono ancora soggetti al coprifuoco, non possono portare smartphone nel centro, sono monitorati dalle guardie e affrontano altre restrizioni alla loro libertà.
La detenzione prolungata in condizioni spaventose ha aggravato il trauma che molti avevano sofferto a causa delle persecuzioni nei loro paesi d’origine e degli abusi e altri pericoli che hanno affrontato nei loro viaggi verso l’Australia, come la Commissione dei diritti umani australiana e l’UNHCR, tra gli altri, hanno accertato.
Rifugiati e richiedenti asilo intervistati hanno dichiarato di aver sviluppato sull’isola forte ansia, insonnia, sbalzi d’umore, depressione prolungata e perdita di memoria a breve termine. I bambini hanno iniziato a bagnare il letto, soffrire di incubi, condurre azioni di disturbo o altri comportamenti preoccupanti. Adulti e bambini hanno parlato apertamente di aver voluto porre fine alla loro vita. Tuttavia, i rifugiati a Nauru non ricevono adeguato supporto né un trattamento di salute mentale.
Lo standard delle cure mediche per i rifugiati e i richiedenti asilo a Nauru è scarso. Le attrezzature mediche sono rudimentali e i medici specialisti non sono regolarmente disponibili. I servizi odontoiatrici sono in gran parte limitati all’estrazione dei denti.
Rifugiati e richiedenti asilo hanno descritto lunghi ritardi nel poter essere visitati da specialisti in caso di condizioni gravi o per essere trasferiti in strutture mediche al di fuori di Nauru per cure lì non disponibili. Secondo le nuove norme, coloro che sono stati trasferiti in Australia per le cure devono partire senza i loro familiari nella maggior parte dei casi, un apparente tentativo di costringerli a tornare a Nauru.
Quando Amnesty International e Human Rights Watch hanno formulato queste preoccupazioni circa le cure mediche all’International Health and Medical Services, la società assunta dal governo australiano per fornire servizi medici a Nauru, il personale dirigente ha negato che le cure fossero scarse.
La sicurezza fisica delle persone detenute a Nauru è un problema grave, hanno denunciato Human Rights Watch e Amnesty International. Molti richiedenti asilo sono stati picchiati e derubati. Ogni donna intervistata ha detto che non poteva uscire da sola. Persone intervistate hanno riferito che la polizia locale ha fatto pochi o nessuno sforzo per indagare sugli attacchi ai loro danni.
I bambini che frequentano le scuole locali hanno descritto bullismo frequente e molestie da parte degli studenti di Nauru, che dicono loro di tornarsene nei loro paesi d’origine. Molti hanno smesso di frequentare le lezioni del tutto. Alcuni rifugiati e richiedenti asilo hanno detto che gli abusi che hanno sopportato non gli hanno dato altra scelta che accettare o chiedere di ritornare nei paesi in cui si trovano ad affrontare un vero e proprio rischio di persecuzione o altri gravi danni.
Il governo australiano deve reinsediare immediatamente i rifugiati in Australia e chiudere il centro di trattamento all’estero di Nauru. Mentre i rifugiati e i richiedenti asilo rimangono a Nauru, l’Australia deve garantire che essi ricevano assistenza medica e di salute mentale di qualità. Nauru deve consentire l’accesso all’isola a osservatori indipendenti per i diritti umani e a giornalisti e l’Australia deve fare altrettanto per i suoi “centri di trattamento” per i richiedenti asilo.

Articoli Correlati:



Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

ads

Log In

Ultime notizie

Video correlati

ads

error: Content is protected !!