Islam: Comai, in Lombardia crescono casi di discriminazione. «Guerra Maroni-Salvini a chi la spara più grossa contro di noi»

Islam: Comai, in Lombardia crescono casi di discriminazione. «Guerra Maroni-Salvini a chi la spara più grossa contro di noi»

«All’interno della Lega Nord, tra Maroni e Salvini, c’è una guerra mediatica a chi la spara più grossa contro l’Islam, e così in Lombardia sono aumentati del 50 per cento i casi di intolleranza e discriminazione, ad esempio nei confronti dei medici arabi o delle ragazze che portano il velo sul posto di lavoro». Lo ha detto Foad Aodi, presidente dell’associazione delle Comunità arabe in Italia (Comai) e dell’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi). «In Lombardia – ha aggiunto Foad Aodi – si sta registrando il livello di tensione più alto in Italia. Io faccio un appello alle nostre comunità e associazioni perché collaborino sempre di più con le istituzioni italiane. Ma la guerra di visibilità mediatica tra Maroni e Salvini non aiuta il dialogo. Noi vogliamo ragionare con il Maroni che è stato ministro dell’Interno e di cui abbiamo apprezzato l’operato. Ma se Maroni vuole fare la guerra a Salvini, lo faccia in un congresso politico, senza metterci in mezzo. La politica faccia delle proposte, parliamone. L’Italia ci sta a cuore più di quanto stia a cuore alla Lega Nord». Foad Aodi ha poi ribadito che «il terrorismo non c’entra nulla con l’Islam». «L’Islam degenerato non ci riguarda, così come non ci riguardano le provocazioni di alcuni convertiti sulla poligamia, che nessuno di noi ha chiesto di legalizzare».

3 comments

Articoli Correlati:



Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

3 Comments

ads

Log In

Ultime notizie

Video correlati

ads

error: Content is protected !!