Svizzera, attacco su treno: morta la donna aggredita e data alle fiamme

Svizzera, attacco su treno: morta la donna aggredita e data alle fiamme

La polizia elvetica ha affermato che non ci sono indizi che portino a una movente terroristico per l’attacco avvenuto ieri su un treno nel Cantone di San Gallo e nel quale sono rimaste ferite 6 persone, oltre allo stesso autore dell’aggressione. “Allo stadio attuale, non vi è alcun indizio che dimostri che questo atto abbia matrice terroristica o moventi politici”, si legge nel comunicato.
La polizia ha effettuato una perquisizione nella casa del 27enne svizzero che nel primo pomeriggio di ieri, armato di un coltello, ha gettato del liquido incendiario addosso a una donna all’interno di un vagone che poi ha preso fuoco mentre era in viaggio nel cantone di San Gallo, nel nord-est della Svizzera.
Sette persone sono rimaste ferite, fra queste anche l’aggressore. Due passeggeri, una donna e un uomo, sono in pericolo di vita. La donna riporta gravi ustioni e ferite da arma da taglio. Le altre quattro vittime, fra le quali un bambino di sei anni, riportano ferite meno gravi, ma sono ancora tutte ricoverate, scrive il quotidiano locale, Sankt Gallen Tagblatt che precisa che una delle vittime non era un passeggero ma un passante che è salito sul treno per aiutare i passeggeri a scendere e che avrebbe salvato la vita proprio all’aggressore.

Articoli Correlati:



Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

ads

Log In

Ultime notizie

Video correlati

ads

error: Content is protected !!