Assad: “Tra ISIS e Israele non c’è nessuna contraddizione”

Assad: “Tra ISIS e Israele non c’è nessuna contraddizione”

Komsomolskaya Pravda La ringrazio molto, signor Presidente, sono molto felice e orgogliosa di conoscerla, inizierò con questa domanda: la situazione in Siria è diventata più pericolosa e più difficile da prevedere, perché? Perché questo conflitto attira più partecipanti e attori, per esempio, chi è coinvolto nella guerra in Siria? Ci sono l’Iran e il Libano, voglio dire, Hezbollah, la Russia, la Turchia e la grande coalizione guidata dagli Stati Uniti, anche la Cina è interessata a questa guerra, si teme che questo conflitto causerà una terza guerra mondiale o la terza guerra mondiale è già iniziata?

Presidente Al-Assad: Se parliamo del problema, abbiamo bisogno di parlare al cuore della questione, la fonte del problema: il terrorismo. E indipendentemente da chi sta interferendo in Siria ora, la cosa più importante è chi sta sostenendo i terroristi ogni giorno, ogni ora. Questo è il problema principale. Se risolviamo questo problema, l’intero quadro complicato che lei ha descritto non sarà un grosso problema e possiamo risolverlo. Pertanto, non è il numero di paesi che oggi interferiscono in Siria, ma è il numero di paesi che sostengono i terroristi, perché la Russia, l’Iran e Hezbollah sono i nostri alleati e sono venuti qui legalmente. Essi ci sostengono contro i terroristi, mentre gli altri paesi stanno sostenendo i terroristi. Pertanto, la questione non è il numero di paesi, ma la causa fondamentale: il terrorismo.

In secondo luogo, la terza guerra mondiale. Questo termine è stato recentemente usato molte volte, soprattutto dopo la recente escalation in relazione alla situazione in Siria. Direi che quello che abbiamo ora, e quello che abbiamo recentemente assistito nelle ultime settimane e forse mesi, significa che stiamo vivendo più che una guerra fredda o meno di una guerra vera e propria guerra, una guerra che non so come chiamarla, ma non è qualcosa che è già esistito, perché non credo che l’Occidente e in particolare gli Stati Uniti abbiano smesso la loro guerra fredda, anche dopo la caduta dell’Unione Sovietica.

KP: Sì, continui.

Assad: Pertanto, ci sono diverse fasi, e la Siria è una di queste fasi, è una escalation più importante che mai, ma tutta la questione è legata al mantenimento dell’egemonia nordamericana nel mondo e non permette a nessuno di essere un partner nella scena politica o sulla scena internazionale, che sia la Russia o uno degli alleati occidentali degli Stati Uniti, questa è l’essenza di questa guerra, che ho descritto come una terza guerra mondiale.

KP: Ma lei hai detto … la Siria è diventata il teatro di questa guerra. Perché la Siria? Voglio dire la Siria è un grande paese e ha il petrolio, ma non come l’Arabia Saudita. Perché proprio la Siria?

Assad: Questa cosa ha molti aspetti. Il primo, se si parla di conflitto regionale, la Siria ha buoni rapporti con l’Iran e l’Arabia Saudita voleva distruggere l’Iran del tutto, forse in senso politico o materiale e per ragioni diverse, ha anche voluto posizionare la Siria contro l’Iran, distruggendo così la Siria avrebbe potuto influenzare negativamente l’Iran, credo. Per l’Occidente la Siria e la Russia sono alleati da decenni, e danneggiare la posizione della Siria potrebbe influenzare negativamente i russi.

KP: Alcuni media occidentali hanno scoperto che la guerra in Siria è diventata un conflitto diretto tra la Russia e gli Stati Uniti, è d’accordo con questo punto di vista?

Assad: Sì, per un semplice motivo legato a quello che ho detto fin dall’inizio, che il problema è il terrorismo, la Russia voleva combattere contro il terrorismo, per vari motivi, non solo per la Siria, e non solo per la Russia, ma per la regione, per l’Europa e per il mondo, perché capisce molto bene cosa significhi la diffusione del terrorismo in un certo modo, gli Stati Uniti hanno sempre usato, dalla guerra in Afghanistan negli anni ottanta e fino ad oggi, il terrorismo come una carta con la quale si può sempre giocare.
KP: Ora abbiamo un nuovo giocatore in questa regione, con l’intervento della Turchia, qual è la sua opinione circa il ruolo svolto dalla Turchia in questa guerra? Cosa pensa del suo intervento?

Assad: Se cominciamo a parlare di ciò che sta accadendo oggi, dico che è un invasione.

KP: Invasione!

Assad: Questo intervento è un’invasione, sia una piccola o una grande parte dei territori siriani, è una invasione e incompatibile con il diritto internazionale e costituisce una violazione della sovranità della Siria, ma ciò che i turchi vogliono da questa invasione, a parte il pretesto che utilizzano per coprire le loro vere intenzioni, vogliono ripulirsi dalle loro vere intenzioni rappresentate nel sostegno a “ISIS” e “al Nusra.”

KP: Dopo che l’aereo russo è stato abbattuto dai turchi, la Russia ha sospeso le sue relazioni con la Turchia. Poi ci sono state le scuse dei turchi, sembra che siano stati ripresi i contatti in vari settori, come il turismo, le relazioni diplomatiche e altro. Pensa che forse, i russi, abbiano commesso un errore fare affidamento ancora una volta su Erdogan dopo il suo tradimento?

Assad: No, in realtà, penso che questo rapporto sia positivo.

KP: Positivo?

Assad: Sì, positivo. Perché?

KP: Perché lo è?

Assad: Stiamo parlando di due parti, se si considera che questi due parti non condividono la stessa visione e le loro posizioni sono diverse; la Russia basa la sua politica sul diritto internazionale, nel rispetto della sovranità di altri Stati, e nella comprensione del pericolo rappresentato dal terrorismo per tutti, mentre i turchi legano la loro politica all’ideologia dei Fratelli Musulmani; non rispettano la sovranità della Siria e sono di supporto ai terroristi… Così, attraverso questo approccio, per esempio, tra la Russia e la Turchia, l’unica speranza che abbiamo è che la Russia possa influenzare alcuni cambiamenti nella politica turca.

KP: Per me, è una cosa molto strana. L’ISIS non minaccia Israele e Israele non minaccia l’ISIS. Qual è il ruolo di “Israele” in questa guerra?

Assad: Ogni persona e ogni terrorista che portava una pistola e ha cominciato a commettere atti terroristici e ha partecipato alla distruzione in Siria, ha ricevuto il sostegno di “Israele”, o indirettamente attraverso il supporto logistico attraverso le frontiere o, talvolta, attraverso l’intervento diretto di “Israele” contro la Siria, perché “Israele” è il nostro nemico e sta occupando la nostra terra e vede la Siria come un nemico, naturalmente, e per loro debellare la Siria, darà a “Israele” un pretesto per non muoversi verso la pace, perché il prezzo della pace è il ritiro di Israele dalle alture del Golan. Ecco perché Israele sostiene ogni terrorista, e non c’è alcuna contraddizione tra Israele e tutte le organizzazioni come al-Nusra o ISIS o qualsiasi altra organizzazione legata ad Al Qaeda..

KP: Perché ha cercato aiuto dalla Russia quasi nel momento più critico? Quando quasi tutto era in uno stato di collasso e anche la sua vita era in pericolo?

Assad: In primo luogo, c’è una relazione tradizionale tra la Siria e la Russia, e durante i momenti peggiori della relazione dopo la caduta dell’Unione Sovietica, il rapporto è stato un buon rapporto, non era male ma neanche troppo buono, abbiamo chiesto aiuto fin dall’inizio, ma l’escalation sul terreno non era lo stesso livello dell’anno prima, quando hanno visto che l’Esercito siriano avanzava la situazione cominciò a degenerare attraverso l’invio di più terroristi provenienti dall’estero, di conseguenza, la Siria è un piccolo paese e la sua popolazione non è grande, e quindi avevamo bisogno dell’aiuto dei nostri amici, come l’Iran e Hezbollah, e l’intervento della Russia come superpotenza è stato fondamentale per cambiare i rapporti di forza sul terreno, quindi era normale chiedere l’aiuto russo.
Fonte: Sana.Sy

Articoli Correlati:



Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

ads

Log In

Ultime notizie

Video correlati

ads

error: Content is protected !!