Migranti: Calais, 50 minori isolati portati via da polizia

Migranti: Calais, 50 minori isolati portati via da polizia

Una cinquantina di minorenni isolati rimasti a Calais nei pressi della Giungla dei migranti ormai rasa al suolo da ruspe e bulldozer sono stati portati via oggi a bordo di alcuni camion della polizia francese. I convogli sono partiti a metà giornata in presenza del viceprefetto di Calais, Vincent Berton. I giovani, tra cui molti sudanesi, verranno condotti in un centro di accoglienza e orientamento (Cao). Un’altra cinquantina di minori isolati dovrebbe raggiungerli presto. Da questa mattina, nel sito della ormai ex-Giungla di Calais, ruspe e bulldozer hanno continuato a demolire ciò che restava di capanne e costruzioni. Una operazione che secondo il prefetto, Fabienne Buccio, finirà lunedì sera. Un altro pullman con 39 minori a bordo è inoltre partito dalla bidonville verso l’Inghilterra nel quadro dei ricongiungimenti famigliari. «Ad oggi, il Regno Unito ha accettato il trasferimento sul suo territorio di 274 minori isolati da Calais (313 con le 39 nuove partenze di oggi)», sottolinea in una nota il ministro dell’Interno, Bernard Cazeneuve, invitando Londra ad accogliere l’insieme dei «minori che vogliono». passare dall’altra parte della Manica per ritrovare le famiglie. Mentre a Parigi si ingrossano giorno dopo giorno gli accampamenti di fortuna, tra l’avenue de Flandre, Jaurès e Stalingrad, le Ong tornano a lanciare l’allarme sugli «almeno duemila» che si sono sottratti alla ripartizione nei centri di accoglienza e orientamento (Cao) e che si sono sparpagliati tra Parigi e il nord della Francia. Per Fran‡ois Guennoc, vicepresidente dell’Auberge des Migrants, non ci sono dubbi: molti di quelli che si sono allontanati «finiranno per tornare». Del resto, secondo BFM-TV, nuovi gruppi di migranti provenienti dalla Germania e da altri Paesi del nord europa sono già arrivati a Calais con l’obiettivo di «approfittare della confusione» e tentare la traversata in Gran Bretagna.

Articoli Correlati:



Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

ads

Log In

Ultime notizie

Video correlati

ads

error: Content is protected !!